Museo etnografico "Raffaele Corso"

etnoFondato nel 1955 per iniziativa di Antonio Basile, Nicola De Rosa, Giuseppe PIgnataro, Luigi Lacquaniti, Francesco Salerno, Francesco Cipri, Antonino Nasso, studiosi di tradizioni popolari e di altri appassionati cultori di quelle discipline, fu riconosciuto dell'UNESCO come Musei di importanza internazionale.Pregevolissima ed unica, per ricchezza e varietà di esemplari è la collezione di conocchie; di particolare interesse sono i numerosi oggetti di antiche unanze, ai costumi, ai lavori domestici, a quelli quotidiani o stagionali e dell'agricoltura, alle attività della pesca, della caccia, della conservazione dei prodotti; ma vi sono anche testimonianze attinenti alla pietà popolare, ad antichi riti religiosi e oggetti relativi alla magia, alla superstizione; considerevole la collezione della maschere Apotropaiche in ceramica opera degli artigiani di Seminara, di Gerace e di altri centri della regione.
Etno
Si segnalano: un telaio di fine 800 e i Giganti Mata e Grifone, grandi fantocci di cartapesta, che simboleggiano l'unione dellelemento indigeno con quello moresco; portati per le vie cittadine nei giorni di festa, al suono ritmato dei tamburi simulano una danza di corteggiamento.
 

La Conocchia

Catalogo "LA MEMORIA DELLE CONOCCHIE"

.jpg

 

HTML 4.01 Valid CSS
Pagina caricata in : 1.62 secondi
Powered by Asmenet Calabria