Biblioteca

 

La Biblioteca Comunale di Palmi venne istituita nel 1890. Distrutta dal terremoto del 1908, fu poi ricostruita nel 1927. Nella stessa data, il Commissario Prefettizio dell’epoca nominava Direttore il Prof. Luigi Lacquaniti.
Nel 1943 la Biblioteca veniva regolamentata con Statuto e, contemporaneamente, si arricchiva della prima donazione, fatta dal palmese dottor Domenico Topa, eminente paletnologo, al quale oggi l’Istituzione è intitolata.
A questa prima donazione, costituita principalmente da volumi riguardanti la Calabria e i Calabresi, e da un importante “fondo antico” comprendente volumi del ‘500, del ‘600 e del ‘700, nel corso degli anni si aggiunsero quelle di altri illustri concittadini.
Di seguito elenchiamo le più importanti donazioni e le relative specializzazioni:
 
- Francesco Antonio Repaci – Economia e Scienze e delle Finanze.
- Marta Rempte Guerrisi - Arte e Storia dell’Arte;
- Francesco Cilea – Musica e Storia della Musica;
- Attilio Zagari - Letteratura Latina, Greca e Italiana;
- Domenico Zappone - Letteratura Contemporanea e Saggistica;
- Antonio Basile – Etnografia, Folklore e Tradizioni Popolari;
- Leonida Repaci - Narrativa, Letteratura contemporanea, Arte, Storia;
- Domenico Antonio Cardone - Filosofia, Storia della Filosofia e Religione;
- Guglielmo Romeo - Narrativa, Letteratura, Arte, Storia.

Occorre ancora sottolineare che la Biblioteca Comunale ‘D. Topa” è dotata, altresì, di una pregevole Emeroteca, specializzata su tematiche meridionalistiche; all’interno di questa sezione, si trovano raccolte testate giornalistiche edite a Palmi tra i primi dell’Ottocento fino ai primi del Novecento, documenti preziosi che costituiscono la base della memoria storica locale.
Va segnalata, altresì, la presenza di una Videoteca, che comprende tematiche diverse, dal teatro (Goldoni, Pirandello, De Filippo); alla Storia, con documenti originali sulla prima e seconda guerra mondiale, all’Ecologia, con documentari curati dal W.W.F., all’Arte con una serie di filmati su alcune significative opere artistiche e sulle tecniche del restauro e, infine, con cortometraggi geografici.
La Biblioteca Comunale ha utilizzato per la classificazione delle opere il Metodo Decimale Dewey, secondo le direttive dell’Istituto Centrale per il Catalogo Unico delle Biblioteche Italiane.
L’Istituzione è presente sul sito Internet del C.N.R. di Cosenza con il catalogo “Calabria e Calabresi”, che comprende complessivamente circa 6000 volumi.
Nel tempo, il rapporto instaurato con le Università calabresi e siciliane, ha fatto sì che le tematiche specifiche della nostra storia locale, dei nostri monumenti e delle nostre tradizioni popolari, costituissero argomenti di tesi di Laurea, per molti studenti.
I volumi della Biblioteca sono descritti in cataloghi cartacei a schede mobili di formato internazionale, ripartiti per autori e per materie.
Si sta operando per rendere disponibile un archivio informatico, che si arricchisce – annualmente dei dati relativi alle nuove accessioni, ma che non trascura il recupero del retrospettivo, già presente nei cataloghi tradizionali.
E’ consentito il prestito bibliotecario gratuito dietro un versamento di un deposito cauzionale, che ha una durata di 15 giorni ed è rinnovabile per altri 15.
Sono esclusi dal prestito i documenti rari e di pregio, le opere enciclopediche, i periodici, le miscellanee rilegate in volumi e le pubblicazioni di particolare interesse storico-locale.
E’ possibile, inoltre, il prestito interbibliotecario con tutte le biblioteche pubbliche italiane.
Si può ottenere, a proprie spese e per uso di studio, nel rispetto delle normative vigenti sul diritto d’autore (L. 248/2000) la riproduzione di opere possedute dalla Biblioteca.
Sono escluse dalla riproduzione i documenti restaurati, rari o di particolare pregio.
La Biblioteca Comunale “D. Topa” è inserita dalla Regione Calabria tra i 12 Distretti Bibliotecari,
fa parte del progetto “Sistema Bibliotecario Regionale” (SBR) che prevede la messa in rete delle 100 principale biblioteche operanti nelle varie province ed il loro collegamento con il Sistema Bibliotecario Nazionale (SBN). E’ dotata di una mediateca che fornisce l’accesso gratuito ad internet, la fruizione di servizi e documenti multimediali e l’utilizzo delle workstation.
Da quanto esposto, appare evidente che la Biblioteca Comunale di Palmi, che possiede oggi più di 120000 volumi, si attesta come una Istituzione Culturale di consistente spessore che supera l’ambito strettamente locale e, per l’interesse che riveste, si colloca in un contesto, chiaramente, oltre i confini regionali.
I servizi erogati dalla Biblioteca sono accessibili tutti i giorni, escluso il sabato.

Durante l’anno vengono organizzate mostre tematiche ed altre attività collaterali, che costituiscono momenti culturali di approfondimento collettivo.

  Comune di Palmi RC - Sito Ufficiale


Piazza Municipio - 89015 Palmi RC

Centralino Tel. (+39) 0966 262111; Fax (+39) 0966 262227

C.F. 82000650802 - Pec: protocollo.palmi@asmepec.it

Sito Istituzionale: www.comune.palmi.gov.it

Bussola PA

Note Legali

Privacy

                                                                                                                                  

                                                                                         

                                                                                                        


HTML 4.01 Valid CSS
Pagina caricata in : 1.244 secondi
Powered by Asmenet Calabria